venerdì 7 ottobre 2011

Booker T, Jones - The Road To Memphis (Anti, 2011)

Booker T è senz'altro una Leggenda del soul, proprio con la "L" maiuscola, ed il suo Hammond B3 ha segnato la storia della musica. Leader della più grande house-band della storia (gli MG's di Steve Cropper e Donald "Duck" Dunn che conoscerete sicuramente per il film "The Blues Brothers", ma che dovreste conoscere anche come chitarra e basso della Stax Records di Redding, Sam & Dave e Wilson Pickett) è tornato nel 2009 dopo molti anni di silenzio e, sorprendentemente, ha spaccato numerosi culi con il suo Potato Head, orfano dei suoi MG's ma accompagnato dai Drive By Truckers, gruppo che qualcuno di voi stronzi potrebbe conoscere e considerare inferiori a gente tipo gli Editors o gli Interpol, o qualche altro gruppo di segaioli. 

Per questo secondo album del nuovo millennio (come sempre in buona parte strumentale), Booker si affida alle competenti mani dei Roots e a diversi ospiti, su tutti quel vecchio fottuto di Lou Reed e il tizio dei My Morning Jacket, e ne viene fuori un affascinante gioiellino, nient'affatto antico (anzi, addirittura modaiolo a volte, come in Progress, traccia nel quale troviamo alla voce il già citato tizio dei MMJ, Yin Yames) che cresce ad ogni ascolto nella sua meticolosa esecuzione, retta in maniera strepitosa dai Roots, che non fanno rimpiangere i Drive By Truckers.

E se di Booker T non si può dire che sia una sorpresa nè nella bravura tecnica, nè in quella compositiva e nemmeno nella capacità di essere moderno senza essere odiosamente gggiovane, vera sorpresa per me sono stati proprio i Roots, gruppo che avevo sempre snobbato ad eccezione della meravigliosa You Got Me con Erikah Badu, soprattutto ?uestlove alla batteria a tratti davvero strepitoso, come nella cover di Everything is Everything di Lauryn Hill, un piccolo gioiello.

Parlando di cover, è invece scialba la osannatissima rilettura di Crazy, stramegasuperiper successo degli Gnarls Barkley, unico pezzo in cui Booker, sempre più capace di adattarsi, sembra fuori posto. 

Per il resto, non vi strapperete i capelli, su quello non c'è dubbio, ma è una piacevole conferma che Booker nel nuovo millennio sia ancora "alive and kicking".
Voto: 7.4

0 commenti:

Facebook Blogger Plugin: Bloggerized by AllBlogTools.com Enhanced by MyBloggerTricks.com

Posta un commento